Partita Iva in Italia: un aumento costante

Quante Partite Iva sono state aperte nel 2022 e in quali settori: scopriamolo


I dati

Rispetto all’anno scorso, nel primo trimestre del 2022 si è registrato un aumento di partite IVA. Si tratta perlopiù di persone fisiche, sotto i 35 anni e che hanno scelto il regime forfettario (quasi il 10% in più rispetto al 2021). I settori produttivi più coinvolti sono l'istruzione e le attività sportive e di intrattenimento.

La maggior parte delle nuove aperture coinvolge le regioni del Nord Italia (46,6%), seguite dal Sud e le Isole (30,8%) e il Centro Italia (22,2%). Più nello specifico, le regioni che riscontrano un maggior incremento sono la Liguria (11,7%), il Lazio (10,8%) e la Basilicata (10.2). All’opposto, si registra un decremento maggiore nel Veneto, con il 10,8%.

Ma perché aprire una Partita IVA in regime forfettario?

Il regime forfettario permette di usufruire di una tassazione ridotta pari al 15%, ma anche di una riduzione dei contributi INPS. Questo è possibile perché vi è un'unica imposta sostitutiva, anziché avere le altre imposte previste normalmente (come l'IRES e l'IRPEF).

Qual è la parte più importante dell’apertura della P.IVA?

Sicuramente trovare un buon commercialista che segua con attenzione e scrupolo la tua attività!

Per rispondere a questa esigenza, GruppoPiù ha creato il servizio Contabilità Plus: tutta la contabilità verrà affidata a un esperto, con più di 20 anni di esperienza nel settore, che seguirà anche la parte di Fatturazione Elettronica.

I clienti di GruppoPiù sono sparsi per tutto il territorio nazionale: tutti i documenti relativi alla contabilità sono a portata di click! Il servizio prevede anche l’apertura di nuove partite IVA. Scopri i nostri servizi di contabilità



Post recenti

Mostra tutti